Skip to main content

L’art. 1 del D.M. 274/1997 (Regolamento di attuazione degli articoli 1 e 4 della legge 25 gennaio 1994, n. 82, per la disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione), definisce i concetti di Pulizia, di Sanificazione, di Disinfezione.

Gli organizzatori di tutte le realtà lavorative che intendono rispettare il Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del Covid-19 negli ambienti di lavoro, chiedono chiarimenti sulla tipologia di operazioni e di prodotti, sulla specializzazione di chi deve approntare “ pulizia e sanificazione”, come recita il punto 4 del Protocollo Condiviso citato.

1 – La normativa citata definisce:

  • Pulizia: insieme di operazioni che occorre praticare per rimuovere lo “sporco visibile” di qualsiasi natura (polvere, grasso, liquidi, materiale organico…) da qualsiasi tipo di ambiente, superficie, macchinario ecc. La pulizia si ottiene con la rimozione manuale o meccanica dello sporco anche – eventualmente – con acqua e/o sostanze detergenti (detersione). La pulizia è un’operazione preliminare e si perfeziona ed è indispensabile ai fini delle successive fasi di sanificazione e disinfezione.
  • Sanificazione: è un intervento mirato ad eliminare alla base qualsiasi batterio ed agente contaminante che con le comuni pulizie non si riescono a rimuovere. La sanificazione si attua – avvalendosi di prodotti chimici detergenti (detersione) – per riportare il carico microbico entro standard di igiene accettabili ed ottimali che dipendono dalla destinazione d’uso degli ambienti interessati. La sanificazione deve comunque essere preceduta dalla pulizia.
  • Disinfezione: consiste nell’applicazione di agenti disinfettanti, quasi sempre di natura chimica o fisica (calore), che sono in grado di ridurre, tramite la distruzione o l’inattivazione, il carico microbiologico presente su oggetti e superfici da trattare. La disinfezione deve essere preceduta dalla pulizia per evitare che residui di sporco possano comprometterne l’efficacia. La disinfezione consente di distruggere i microrganismi patogeni.

– Il Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del Covid-19 negli ambienti di lavoro richiede al punto 4

L’azienda assicura la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni e di svago.  
Nel caso di presenza di una persona con COVID-19 all’interno dei locali aziendali, si procede alla pulizia e sanificazione dell’area secondo le disposizioni della circolare n. 5443 del 22 febbraio 2020 del Ministero della Salute ***, nonché alla  ventilazione dei locali.”

Va garantita la pulizia a fine turno e la sanificazione periodica di tastiere, schermi touch, mouse, con adeguati detergenti, sia negli uffici, sia nei reparti produttivi.

*** Estatto dalla Circolare n. 5443 del 22 febbraio 20♦20 del Ministero della Salute

Cattura

LA DOMANDA:

domanda

3 – In un contesto di diffusione pandemica, sia le operazioni di pulizia che quelle di sanificazione devono essere svolte con attenzione e frequenza giornaliera e periodica.

Pertanto devono essere eseguite da personale dedicato, in grado di utilizzare i prodotti sanificanti, e che sappia attuare le azioni necessarie per eliminare gli agenti contaminanti.

La domanda che un Datore di Lavoro, un Dirigente, un Preposto, ovvero chi organizza l’attività lavorativa dovrebbe porsi è: “Dispongo di una figura che abbia la capacità di utilizzare i prodotti sanificanti?  che abbia il tempo di farlo frequentemente?”

A Voi la risposta.

Nota: le condotte aeraliche

Una pulizia e sanificazione approfondita, arriva alle condotte aerauliche e alle UTA (Unità di trattamento Aria) da cui si diffonde il bioaereosol, mezzo utilizzato dai microrganismi per diffondersi rapidamente.

canalizzazioni-aeraulica-prima-dopo

(Foto di canalizzazione aeraulica prima e dopo un intervento di pulizia e sanificazione).

Ing. Ballani Simona

Simona Ballani

Responsabile servizio prevenzione e protezione tutti i codici ateco consulente e auditor sistemi di gestione qualita' s (iso 9001 - 14001 - 1800a - 45001) Tecnico competente in acustica iscritto presso albo tecnici competenti in acustica regione emilia romagna Formatore abilitato e certificato anfos d.m. 10 marzo 1998 accordo stato regioni 21/12/2011 - 07/07/2016 - 22/12/2012 d.im. 06/03/2013 Centro formazione territoriale autorizzato anfos 1657 formatore antincendio d.m. 10/03/1998